01/08/2021 - 13:56

"L’annuncio in prima pagina de La Gazzetta del Mezzogiorno con l’’Arrivederci’ a firma del direttore Michele Partipilo è una notizia terribile, di quelle che non avrei mai aver voluto vedere”. Così Vito De Filippo, deputato lucano del Partito Democratico.

“Lo storico quotidiano - aggiunge l’esponente dem - piombò nella procedura fallimentare dopo il coinvolgimento in un'inchiesta giudiziaria del suo storico editore, Ciancio Sanfilippo (prosciolto dalle accuse dopo due anni). La Gazzetta del Mezzogiorno ha sospeso le pubblicazioni al termine del fitto di ramo d'azienda attestato all'imprenditore Vito Ladisa da dicembre 2020 fino al 31 luglio 2021. Sul tavolo dei giudici del tribunale di Bari ci sono due proposte di concordato già ritenute ammissibili, una delle quali dello stesso Ladisa, che devono passare al vaglio del comitato dei creditori. L'ultimo passaggio spetta ai giudici che dovranno decidere a chi affidare definitivamente la testata”. 

"Una situazione - conclude De Filippo - che aveva delineato i suoi contorni già da mesi, così come da mesi si era a conoscenza che il 31 luglio coincidesse con la scadenza per il fitto di ramo d'azienda. Eppure si è perso altro tempo. Ma ora di tempo non ce n'è più perché il giornale da lunedì non sarà in edicola. L'appello è rivolto ai giudici:  accelerino al massimo l'iter di approvazione di una o dell'altra proposta di concordato, limitando così a pochissimi giorni la mancata pubblicazione del quotidiano, per salvaguardare il posto dei 144 lavoratori che da settimane hanno rinunciato al loro stipendio e tenere in vita una testata che vanta 134 di storia".

16/07/2021 - 12:37

Dichiarazione di Vito De Filippo, deputato Pd e relatore di maggioranza al provvedimento Family Act

“Il provvedimento tanto atteso sulla famiglia è in dirittura d'arrivo. Finalmente il Family Act diventa realtà”. Così l'on. del Pd Vito De Filippo, che stamane ha presentato in Aula alla Camera, in qualità di relatore di maggioranza, il provvedimento che contiene le deleghe al Governo per il sostegno e la valorizzazione della famiglia.
“Si tratta di un testo molto importante sulla famiglia – ha aggiunto il parlamentare dem-  che promuove  la genitorialità e la parità tra i sessi all’interno dei nuclei familiari, favorendo l’occupazione femminile, l'armonizzazione dei tempi familiari e di lavoro e l’equa condivisione dei carichi di cura tra i genitori”. Per De Filippo “ è oggi fondamentale affermare il valore sociale delle attività educative e di apprendimento, anche non formale, dei figli, attraverso il riconoscimento di agevolazioni fiscali o esenzioni in relazione alle spese sostenute dalle famiglie”.
“Abbiamo inoltre previsto – prosegue De Filippo-  una incentivazione del lavoro femminile, la condivisione della cura e l’armonizzazione dei tempi di vita e di lavoro. E abbiamo inoltre delegato il governo a individuare gli strumenti necessari per  sostenere la spesa delle famiglie per la formazione dei figli e l’autonomia finanziaria dei giovani. In conclusione – ha detto De Filippo- sarebbe auspicabile che il provvedimento così significativo a favore della famiglia  venga  sostenuto trasversalmente da tutti i gruppi parlamentari e che sia approvato in tempi rapidi, in modo da consentirne l’approdo presso l’altro ramo del Parlamento, nell’ottica della realizzazione di una riforma complessiva delle misure volte a sostenere le famiglie italiane.

28/06/2021 - 17:10

“Esprimo il mio sostegno all'iniziativa promossa dalle principali sigle sindacali per chiedere al governo di riconvocare il tavolo con Stellantis e riprendere il dialogo sul futuro industriale e occupazionale degli stabilimenti italiani”.

Lo dichiara Vito De Filippo, deputato lucano del Partito democratico.

“Nei mesi scorsi abbiamo più volte posto all'attenzione del governo la situazione dello stabilimento Stellantis di Melfi, visto anche il perdurare di una situazione di tensione, e io stesso ho presentato un'interrogazione in commissione Attività produttive. Quello dell’auto è un settore strategico, soprattutto se accompagnato da forti investimenti nella transizione energetica. Lo stabilimento di Melfi occupa più di 14mila persone, tra dipendenti e indotto, e rappresenta uno snodo fondamentale per lo sviluppo del Mezzogiorno. Il governo - conclude De Filippo - raccolga l'invito dei sindacati e apra nuovamente un tavolo di discussione. Noi del Partito democratico siamo al lavoro, non da oggi, affinché si possa giungere ad una conclusione positiva della vicenda, nell'interesse dei tanti lavoratori e dello sviluppo del Paese”.

07/06/2021 - 19:51

Gravi e inammissibili. Le minacce nei confronti della collega Beatrice Lorenzin, a cui va tutta la mia solidarietà, sono un atto molto preoccupante che proviene da ambienti intolleranti e pericolosi. In attesa che le autorità competenti prendano tutte le misure del caso, mi preme sottolineare che  è stata vergognosamente colpita una parlamentare che ha sempre difeso la sanità pubblica e tutelato i cittadini. lo dichiara il deputato dem Vito De Filippo

04/06/2021 - 17:36

Dichiarazione on. Vito De Filippo, deputato Pd

L'assegno unico per i figli è una riforma davvero importante per tutti i genitori delle famiglie italiane e per noi democratici un provvedimento che ci riempie  di soddisfazione per averlo  promosso e portato a compimento. Si tratta di  una delle riforme più significative della famiglia dalla nascita del sistema sanitario nazionale.  Una misura  equa e universale, decisiva per contrastare la denatalità e  favorire la genitorialità.
Da gennaio sarà a regime e coinvolgerà quasi due milioni di famiglie dando loro la possibilità di avere un sostegno concreto e continuativo per i figli a carico. Si mette termine così alla variegata e confusa giungla di sussidi, bonus e assegni poiché la riforma è modulata sulle soglie dell’ISEE, ed è destinata a tutti, a prescindere dalla condizione lavorativa.

26/05/2021 - 18:14

Dichiarazione on.  Vito De Filippo, deputato Pd

“Questa legge è un grande passo in avanti perché, come purtroppo sappiamo,  molte volte la rarità significa invisibilità. Il malato raro spesso scompare. Ecco, oggi è un bel giorno per il parlamento, per il nostro sistema sanitario, ma soprattutto per migliaia di famiglie e per i  malati rari”. Così Vito De Filippo nella dichiarazione di voto, a nome del gruppo del Pd, sul provvedimento relativo ai farmaci orfani di cui era primo firmatario di una delle proposte che poi è stata abbinata al testo finale. “Noi stiamo affrontando oggi due enormità, riassunte in due parole: rare e orfani. Sono due enormità e sono due  grandi sfide che rendono i bisogni di alcuni malati  figli di un dio minore”. Per il parlamentare Dem “questa legge lancia una sfida: dare una  organizzazione e un metodo futuro per queste malattie che coinvolgono  quasi 2 milioni di italiani e molti,  moltissimi, purtroppo sono bambini”. Dopo aver proposto di “fare di più screening neonatali”, De Filippo ha precisato che con questo provvedimento “si va verso una uniformità di prestazioni  e di offerta di farmaci e medicinali. Sembrerebbe una cosa scontata – ha aggiunto- ma questa grande difformità che noi abbiamo visto ora  con la pandemia è uno dei grandi temi del nostro sistema sanitario nazionale.” Per De Filippo “la grande differenza tra regioni è plateale. Ed è straordinariamente  iniqua”. “La legge – ha concluso il parlamentare dem-  prova a dare indicazioni puntuali per quanto riguarda le procedure di semplificazione nell’aggiornamento  dei livelli essenziali di assistenza. E un meccanismo che se non lo capiamo fino in fondo non ne comprendiamo  l’importanza quasi epocale. Perché molte di queste malattie non venivano riconosciute . Costruire un meccanismo per il quale il comitato nazionale  dei livelli essenziali di assistenza  possa finalmente includere in quell’elenco nuove malattie, con termini a volte quasi esoterici, significa includere centinaia di famiglie in un contesto di assistenza , di diagnosi e cura.”

12/05/2021 - 18:03

Discussa in Commissione alla Camera interrogazione del parlamentare del Pd Vito De Filippo

“Noi siamo molto preoccupati e già nel mese di marzo avevo posto all'attenzione del  governo  la situazione dello stabilimento Stellantis di Melfi, visto lo stato di tensione che permane da molte settimane, come hanno segnalato gli stessi  dipendenti, gli amministratori locali e le organizzazioni sindacali”.
Così il deputato del Partito Democratico Vito De Filippo nella replica al governo in commissione Attività produttive dove si è discussa stamane una interrogazione del Pd, primo firmatario il parlamentare lucano

De Filippo ha ricordato al governo che l'ultima notizia in merito alla situazione dello stabilimento è “che per compensare la crisi del mercato e le difficoltà rispetto ad alcune forniture sulla Jeep Compass, l'azienda ha prorogato per i lavoratori dell'ex stabilimento Fca di Melfi e di quelli che lavorano nelle fabbriche dell'indotto, dopo ormai 17 settimane consecutive, la cassa integrazione fino al 2 maggio 2021”.

“ Siamo molto preoccupati” - ha aggiunto De Filippo-   che ha invitato il governo “a non richiamare soltanto i provvedimenti del decreto liquidità". "Noi ci aspettiamo ora - ha proseguito-  azioni concrete , strutturali, con investimenti adeguati nei confronti di questo settore strategico del nostro Paese, che come è noto occupa un milione e 200 mila persone.” De Filippo ha poi apprezzato  “l'annuncio fatto dal governo di un tavolo permanente sull'automotive” e ha ricordato che  lo stabilimento di Melfi  "occupa più di 14 mila persone, tra dipendenti e indotto,  e si colloca in un posto cruciale per il Paese come il Mezzogiorno”.  “Noi chiediamo quindi – ha concluso De Filippo-  un' attenzione speciale, soprattutto su questo tavolo nazionale perchè il meccanismo virtuoso messo in campo dal governo con il decreto liquidità non è ancora sufficiente . Noi crediamo che Stellantis abbia la dimensione giusta per concorrere, anche a livello planetario, in un settore così importante come l'auto. Per questo ci aspettiamo impegni seri e fatti concreti”.

12/05/2021 - 15:55

Una delegazione di Farmindustria guidata dal presidente, Massimo Scaccabarozzi,, ha incontrato questa mattina alla Camera la presidente del Gruppo Pd, Debora Serracchiani, l’ex ministra della Salute e componente della Presidenza del Gruppo, Beatrice Lorenzin, la capogruppo in commissione Affari sociali, Elena Carnevali, il capogruppo in commissione Attività produttive, Gianluca Benamati, e i deputati dem, Luca Rizzo Nervo e Vito de Filippo.
Al centro dell’incontro il settore farmaceutico come asset strategico nazionale e la campagna vaccinale. Il confronto si è poi concentrato sulle sfide per il prossimo futuro in vista dei richiami e del tema varianti, sulla produzione italiana dei vaccini e la promozione della competitività della filiera a livello europeo e globale. Pnrr e investimenti nella sanità pubblica sono obiettivi prioritari così come sostenere la ricerca, le riforme e un sistema regolatorio  avanzato per assicurare l’accesso alle terapie innovative per i pazienti italiani.

06/05/2021 - 14:43

Post su Fb di Vito De Filippo, deputato Pd

Una notizia che cambia totalmente l’approccio verso la #pandemia nel mondo. Il 25 marzo in aula a @montecitorio chiesi di aprire un dibattito a livello europeo sulla tutela e la libertà dei brevetti che deve essere collegata in alcune circostanze alla garanzia di accesso universale. Biden con la sua forza propone al pianeta questo cambiamento.

22/04/2021 - 13:49

"Finalmente è stata calendarizzata in commissione Affari costituzionali della Camera la proposta di legge presentata due anni fa dal PD per consentire il diritto di voto ai fuori sede nelle elezioni nazionali, europee e referendum". Lo affermano i deputati del Pd firmatari della pdl Madia, Ceccanti, Giorgis, Pini, Piccoli Nardelli, Pezzopane, Pagano, Critelli, De Filippo, Fiano, Bruno Bossio, Sensi, Quartapelle, Verini, Lotti, Bonomo, Serracchiani, Braga, Ciampi, Gribaudo, Navarra e Incerti.

"La nostra proposta è complementare rispetto al disegno di legge presentato in questi giorni dal Presidente Brescia, che interessa invece le elezioni regionali e amministrative. Chiediamo quindi di procedere velocemente nella discussione per arrivare il prima possibile all'approvazione. Sarebbe un passo importante che rafforzerebbe  la nostra democrazia, soprattutto in questa difficile crisi pandemica".

15/04/2021 - 14:36

Dichiarazione di Vito De Filippo, deputato Pd

“Se abbiamo più volte suggerito a virologi e epidemiologi  di parlare meno e agire di più , consiglierei di applicare la stessa regola, soprattutto in tema di riaperture, anche a noi politici. E' venuto il momento di smetterla con le fughe in avanti, di indicare date a casaccio e cavalcare le piazze.  Si riapre se si immunizzano i cittadini italiani. E' fin troppo facile fare i primi della classe speculando sulle lacrime e le difficoltà di un artigiano, di un commerciante o di un ristoratore.” Così il parlamentare dem Vito De Filippo, nel suo intervento in aula sull'informativa urgente del ministro Speranza sull'aggiornamento della campagna vaccinale.
“La macchina – ha proseguito De Filippo- è a punto, come  ci dice in queste ore il  commissario  Figliuolo. Sette  milioni di dosi del vaccino Pfizer arriveranno nelle prossime settimane. Il contratto europeo sui vaccini MRNA prevede un miliardo e 800 milioni di  dosi nel prossimo biennio, perchè la stagione della vaccinazione non finisce nemmeno  quest'anno. Certo, sul fronte europeo i problemi non sono mancati, come ha rilevato lo stesso ministro Speranza. Ma la dimensione della pandemia non poteva assolutamente escludere quel fronte. La cronologia sui contratti di fornitura – ha proseguito l'esponente Dem- e le difficoltà delle grandi aziende produttrici hanno in qualche modo segnalato che noi abbiamo bisogno in futuro in campo sanitario di più Europa e  di una organizzazione ancora più efficace. Servirà trasformare alcune strutture europee che si occupano di ricerca affinchè esse siano ancora più efficaci e più  attrezzate per far fronte ad emergenze di questo genere”. “Questa maggioranza – ha concluso De Filippo-  è nata soprattutto per portare a compimento una delle questioni più complicate della storia recente del nostro paese che è il piano vaccinale,  quindi sentiamo  con molta responsabilità e con molta  serietà  la grandezza di questa missione”.

08/04/2021 - 13:47

“L’avvio dell’iter in commissione Affari sociali della Camera della risoluzione sulla neuropsichiatria infantile è un fatto molto positivo. I disturbi neuropsichici dell’infanzia e dell’adolescenza rappresentano un ambito pediatrico di particolare rilevanza per la salute pubblica, perché  sono estremamente frequenti, spesso cronici e in aumento. Soprattutto oggi che, a causa della pandemia, il 99% dei bambini e degli adolescenti nel mondo stanno sperimentando varie forme di limitazione della propria autonomia di movimento, compresa la sospensione della frequenza scolastica; mentre
il 60% vive in Paesi con lockdown parziale o totale. Ora non dobbiamo perdere ulteriore tempo. Ecco perché la risoluzione impegna il governo a definire tutti gli interventi capaci di mitigare il più possibile gli effetti negativi riscontrati e ipotizzati, promuovendo all’interno di un tavolo di lavoro consultabile dal Cts, una rete che veda impegnati insieme neuropsichiatri infantili, psicologi, servizi educativi e sociali, terzo settore e pediatri”.

Così il deputato dem, Vito De Filippo.

02/04/2021 - 12:55

“Un abbraccio a Roberto Speranza per le vergognose e inutili minacce. Forza senza paura!”.

Così il deputato dem, Vito De Filippo, commenta su Twitter la notizia dei quattro indagati per aver inviato mail con minacce di morte al ministro della Salute.

24/03/2021 - 09:56

“Da molte settimane, i dipendenti, il territorio, con gli amministratori, l'indotto e le organizzazioni sindacali segnalano uno stato di tensione permanente all'interno dello stabilimento Stellantis di Melfi per le prospettive incerte. Servono garanzie ed un immediato confronto con l’azienda ed il governo sui cambiamenti intrapresi nelle realtà italiane all’indomani della fusione. Non ci sfugge la strategia internazionale della nuova azienda che vede strutture industriali in 50 Paesi del mondo, ma questo non può significare incertezza sul fronte anche del lavoro e dell'occupazione”. Così il deputato dem Vito De Filippo.

“Il settore auto sta attraversando una trasformazione profondissima e i produttori tradizionali sono chiamati ad una grande sfida per lo stesso futuro. Contemporaneamente è interesse innanzitutto dei lavoratori che l’industria italiana torni ad essere competitiva, poiché ciò rappresenta la premessa indispensabile per la tutela dell’occupazione. Usiamo anche il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per il rilancio ed il consolidamento del settore “Automotive”. Come stiamo notando anche già dal lavoro delle commissioni, che stanno dando pareri su quel piano, c’è una centrale attenzione verso il settore dell'automotive e verso una garanzia occupazionale in tanti stabilimenti, a partire dal più innovativo e più noto stabilimento della Fiat nel nostro Paese, qual è quello di Melfi” ha concluso.

17/03/2021 - 11:18

“Salvaguardare la salute fisica e mentale dell’infanzia e dell’adolescenza; rafforzare la medicina territoriale; sviluppare reti di connessioni e di servizi di sostegno con le scuole; incrementare il numero di posti letto dedicati alla neuropsichiatria infantile; creare un Gruppo multidisciplinare di coordinamento centrale, nazionale o regionale; istituire la figura dello psicologo, all’interno dei reparti di Pediatria e Neonatologia degli ospedali del SSN; implementare la attività telepsichiatria e di telesupporto psicologico; dare vita un osservatorio sulla condizione della salute mentale dell’adolescente e del minore a seguito delle misure prese per contrastare l’emergenza sanitaria”.

E’ quanto chiede la mozione presentata oggi dai deputati dem della commissione Affari sociali - Siani, Carnevali, Lorenzin, De Filippo, Rizzo Nervo, Pini, Schirò - e che impegna il governo a intervenire con misure di contrasto rivolte alla “promozione della salute mentale di tutta la popolazione e, in particolare, per quelle fasce della popolazione come i bambini e gli adolescenti che hanno visto, da un anno a questa parte a causa della pandemia da Covid, ridursi drasticamente le loro possibilità di socializzazione con la chiusura delle scuole, dei luoghi di ritrovo e dello sport amatoriale”.

Pagine