13/06/2024 - 14:26

La Lega non è più antifascista? Che ne pensa Molinari?

 

“Per il deputato leghista Crippa cantare Bella Ciao è peggio che fare il segno in pubblico della Decima Mas. Vorrei ricordare a Crippa che la Decima Mas evoca, come tutti sanno, l'orrore della dittatura fascista. Bella Ciao di contro è un canto di lotta e di riconoscimento verso i partigiani che hanno lottato per restituire libertà e democrazia al nostro Paese. Crippa può oggi addirittura sparlare, e lo fa più volte, perché c'è chi ieri, morendo da patriota, gli ha consentito di poterlo fare. I conti con la storia e quel terribile periodo, vorrei ricordare a Crippa, si sono conclusi a Dongo. Crippa invece preferisce lasciarci andare a rigurgiti che sono una grave offesa per milioni di cittadini. Il capogruppo Molinari la pensa anche lui come Crippa? La Lega non è più antifascista?”.

 

Lo dichiara il deputato PD, Stefano Vaccari, segretario di Presidenza della Camera, primo firmatario del disegno di legge di riconoscimento della canzone Bella Ciao quale inno, insieme all'inno di Mameli, in occasione della ricorrenza del 25 aprile.

13/06/2024 - 13:14

“Per Crippa della Lega cantare bella ciao è più grave che esaltare la x mas come hanno fatto ieri. Parole gravissime, ancora di più nel giorno dell'80° anniversario della strage di Forno in cui quelli che esalta uccisero 68 italiani. Viva l'Italia antifascista, ora e sempre” così su X la deputata democratica, vicepresidente del Pd, Chiara GrIbaudo.

13/06/2024 - 13:00

“La destra approva il processo verbale in cui non c’è scritto che il deputato Donno è stato aggredito da deputati della Lega e di Fratelli d’Italia. Una pagina buia per la nostra democrazia. Hanno sdoganato il diritto a fare a botte in Parlamento. Scrivendolo nero su bianco”.

 

Così sui social Artuto Scotto, capogruppo Pd in commissione Lavoro alla Camera.

13/06/2024 - 13:00

“Il voto contrario delle destre alla modifica del verbale per riportare correttamente la verità dei fatti è molto grave. E’ del tutto evidente, come dimostrato anche dalle immagini, che in Aula non vi sono stati dei generici ‘disordini’, ma un’aggressione a un collega del Movimento 5 Stelle premeditata di stampo squadrista. Adesso l’Ufficio di presidenza deve valutare i fatti e conseguentemente deliberare in merito ai provvedimenti contro i parlamentari che si sono macchiati di atti di violenza contro un collega”.

 

Così il deputato democratico Stefano Vaccari, segretario di Presidenza della Camera.

13/06/2024 - 12:26

"Cambiare il processo verbale, dando la giusta qualificazione nominale a quello che è avvenuto, non è soltanto un atto di verità, ma anche un atto di riconciliazione con le istituzioni. Lo dico prendendo in prestito le parole del vicepremier che stamane ha detto 'l'Aula parlamentare non è un ring'. Proprio perché non è un ring, dobbiamo ridare dignità a questa istituzione che ieri è stata a vilipesa per l'atteggiamento squadrista di esseri umani poco onorevoli. Fare un ufficio di presidenza per comminare le sanzioni prima che si riprendano i lavori rappresenta un gesto che fa in modo che al di fuori di quest'Aula passi un messaggio: nessuno è immune quando si comporta male prima di tutto nei confronti dell'onorabilità di queste istituzioni". Lo ha detto in Aula alla Camera il deputato dem Ubaldo Pagano, intervenendo in merito all'aggressione del deputato Donno.

13/06/2024 - 12:26

“Chiedo alla Presidenza della Camera di tutelare tutte e tutti noi con la verità del racconto. Il processo verbale riporta il termine ‘disordini’, generico e onnicomprensivo, che purtroppo coinvolge tutte e tutti noi, mentre i fatti di ieri hanno nomi e cognomi ben precisi. Ieri ho visto un altro film. Ho assistito attonita ad una aggressione fisica. Ho visto una parte dell’emiciclo dibattere e discutere nel merito di un disegno di legge, esporre il tricolore e cantare l’inno e il canto partigiano. Ho visto un’altra parte muta sul tema in discussione e responsabile di gesti e comportamenti macisti e orgogliosamente fascisti, fino alla vera e propria azione da picchiatori squadristi. Non ci sto a farci tutti passare alla storia per complici di disordini. Non si faccia come a scuola quando i pessimi insegnanti danno la sanzione a tutta la classe perché non sanno individuare precisamente i responsabili dei cattivi comportamenti. Chiedo con forza che vengano assunti comportamenti esemplari che rendano giustizia a chi di noi sa onorare quest’Aula e il proprio ruolo di rappresentanti dello Stato”.

Così Sara Ferrari, della presidenza del gruppo Pd alla Camera, intervenendo in Aula.

13/06/2024 - 12:23

“Con un verbale neutro, il tentativo di normalizzare e di dare un senso assuefazione a quanto è successo ieri in Aula è impossibile. Ci sono i video che dimostrano bene quanto accaduto: un parlamentare della maggioranza tenta di colpire con due 'ganci' l'onorevole Donno. Se le immagini sono indelebili, nel verbale non si dà importanza al fatto che le parole sono pietre. Scrivere tumulti o disordini è scorretto”. Lo dichiara il deputato dem Silvio Lai in Aula di Montecitorio per chiedere la modifica del processo verbale sulla giornata di ieri nella discussione sull'autonomia differenziata.

“Non scrivere 'aggressione' è come scrivere 'guerra' al posto di 'invasione': cambia completamente il significato. Il verbale va cambiato”, ha concluso Lai.

13/06/2024 - 12:17

“Se la relazione contenuta nel processo verbale è la fedele narrazione dei fatti realmente accaduti in Aula, quanto redatto a proposito dell'espulsione dell'onorevole Furgiuele non spiega le motivazioni di tale provvedimento. Tutti in Aula abbia visto Furgiuele inneggiare ed evocare i simboli fascisti della X Mas e questo deve essere riportato nel verbale”. Lo dichiara il deputato dem Anthony Barbagallo in Aula di Montecitorio contestando il processo verbale sull'aggressione avvenuta ieri durante la discussione sull'autonomia differenziata.

“Il verbale deve inoltre riportare i termini 'pugni' e 'calci' che l'onorevole Donno ha ricevuto solo per aver posto la bandiera tricolore al ministro Calderoli. Di tutto questo non c'è alcuna traccia”, ha concluso Barbagallo.

13/06/2024 - 12:16

“Credo che non ci sia nessun dubbio che quanto accaduto ieri sia un'aggressione e non un disordine come è stato scritto nel verbale di seduta. Secondo il vocabolario italiano, ‘disordine’ è uno spiacevole modo di presentarsi o di condursi, mentre si definisce ‘aggressione’ un attacco violento. E siccome qui le parole sono importanti, perché ciò che affermiamo resta agli atti, è importante essere precisi. Ieri c’è stata una chiara aggressione politica”.

Lo ha detto la deputata Pd Silvia Roggiani intervenendo in Aula alla Camera sul processo verbale.

13/06/2024 - 12:05

"Anche io penso che la parola 'disordini' all'interno del verbale sia assolutamente inadeguata e andrebbe sostituita con 'aggressione'. E' necessario un ufficio di presidenza per ripristinare le condizioni di lavoro minime per svolgere in serenità i lavori di quest'Aula. Su questo volevo invitare alla riflessione i colleghi. Se il governo e la maggioranza di governo, come è accaduto ieri, sistematicamente svuotano di senso e di lavoro quest'Aula, all'opposizione non rimane che opporsi con bandiere, facendo qualche gesto simbolico, cantando l'inno d'Italia e 'bella ciao'. Sul provvedimento dell'autonomia differenziata, ma non solo, sono mesi che vi chiediamo di discutere, di parlare, di votare un emendamento, di fare qualcosa lì in quel vuoto, creato dall'assenza di politica, dall'assenza di discussione". Lo ha detto in Aula alla Camera la deputata dem Rachele Scarpa, intervenendo su quanto accaduto con l'aggressione del deputato Donno.

13/06/2024 - 12:00

“Quanto abbiamo visto ieri in quest’aula è inaudito, è disonorevole; mai in quest’aula si sono viste scene di violenza fisica di questo tipo, scene di una gravità assoluta; scene ancora e tanto più gravi in un momento in cui il nostro paese è all’attenzione dei grandi del mondo e questo lo dico in particolar modo ai colleghi di maggioranza che dovrebbero sentire la responsabilità di una gestione di quest’aula normale e non alzando le mani.
Noi non possiamo accettare una ricostruzione di quanto è successo ieri così come è stata riportata nel verbale perché il verbale non riporta correttamente quanto è successo qui. Qui non si sono visti disordini, non si sono viste risse, qui si è vista un’aggressione e le cose vanno chiamate con il loro nome. Noi chiediamo rispetto per quest’aula e chiediamo che non si faccia finta di nulla perché ieri gli italiani hanno visto quello che è successo”. Lo ha detto Simona Bonafè vicepresidente del gruppo del partito democratico alla camera intervenendo in aula sul processo verbale.

13/06/2024 - 11:56

“La parola ‘disordine’ riportata nel processo verbale su quanto avvenuto ieri va sostituita con ‘aggressione squadrista’ e va inserito anche il motivo per il quale il termine ‘disordine’ non è consono e veritiero dei fatti accaduti e cioè che l’Aula è stata sospesa per l’aggressione da parte di esponenti delle destre a un deputato che esponeva il simbolo della nostra Repubblica, la nostra bandiera. Simbolo che io difendo oggi in Parlamento e in passato ho difeso 135 volte con la squadra nazionale di pallavolo del nostro Paese. Ho esposto in Aula il Tricolore dicendo che non l’avrei dato a Calderoli semplicemente perché non lo merita e per questo motivo l’ho deposto sullo scranno che fu di Giacomo Matteotti prima di essere assassinato dai fascisti. Dal quale, peraltro, è stato poi inspiegabilmente e ingiustamente rimosso”.

Così il deputato democratico e responsabile Sport del Partito democratico, Mauro Berruto.

13/06/2024 - 11:56

“Vorrei ricordare che il valore di un verbale ufficiale ha lo scopo di attestare e ricordare. Ecco perché il Pd insiste affinché nel verbale ci sia scritto quanto veramente è accaduto in questa Aula: un'aggressione, non disordini. Sarebbe altrettanto grave attestare un verbale falso!” Lo dichiara in Aula di Montecitorio il deputato dem Gian Antonio Girelli per chiedere la modifica del processo verbale sulla seduta di ieri sull'autonomia differenziata.

“La storia ci insegna che scrivere e riportare le parole giuste aiuta ad impedire che si possa ripetere un atto gravissimo come quello accaduto ieri. Lo dobbiamo a chi ha perso la vita per donarci la libertà di quest'Aula e per gli italiani che si sono vergognati di noi a vedere tale aggressione”, ha concluso Girelli.

13/06/2024 - 11:40

“Nella mia esperienza di parlamentare di disordini in Aula ne ho visti ma non mi è mai capitato di vedere ad un deputato portato in ospedale in terapia intensiva. E tutto questo a seguito di un aggressione non di un disordine. Un parlamentare che finisce a terra e viene preso a calci al culmine di una giornata dove ripetutamente sono stati evocati in Aula simboli del fascismo e messo in atto un atteggiamento squadrista”. Così il deputato dem Matteo Orfini intervenendo in Aula di Montecitorio a proposito del processo verbale sull'aggressione di ieri durante la discussione sull'autonomia differenziata.

“Di quanto accaduto non ci può essere solo un resoconto burocratico come il processo verbale che ci è stato presentato”, ha concluso Orfini.

13/06/2024 - 11:39

“Io sono davvero particolarmente colpito dalla faziosità del verbale, dall’approccio minimalista che ha avuto rispetto ai fatti che si sono verificati ieri in quest’aula. Fortunatamente a differenza di 100 anni fa esistono questi apparecchi - afferma Marco Lacarra, deputato Pd mostrando il cellulare in aula -. Quello che viene riprodotto nei video che si possono facilmente leggere e vedere è totalmente diverso da quello che viene descritto nel verbale, e questo rappresenta una realtà inquietante di quello che sta accadendo in questo parlamento. Il paese deve sapere non solo attraverso i video ma anche attraverso un verbale fedele che ieri c’è stata un’aggressione da parte di due parlamentari; almeno due parlamentari hanno sferrato pugni e calci con una tecnica squadrista inequivocabile e questo fa seguito ad una serie di comportamenti violenti ed aggressivi dei quali il paese e il mondo intero deve essere edotto”. Lo ha detto il deputato del PD Marco Lacarra intervenendo in aula sul processo verbale.

Pagine