28/06/2024 - 16:56

“Giorgia Meloni isola l’Italia in Europa. Il nostro Paese è ininfluente nei tavoli che contano. Se poi dovesse riuscire a strappare solo il commissario al PNRR, sarebbe un incarico a scadenza. Come uno yogurt. Decisamente troppo poco per uno degli Stati fondatori”. Così il vicepresidente del gruppo del Pd della Camera, Toni Ricciardi.

21/06/2024 - 11:21

“Nonostante sia indubbio il suo attaccamento al Made in Italy, il ministro Urso trascura il fatto che tanti lavoratori di Industria Italiana Autobus a Flumeri, da oltre 11 anni, lottano per mantenere in vita lo stesso stabilimento e perché la produzione rimanga italiana. Ho apprezzato il fatto che il ministro abbia accolto la richiesta sindacale di prendere 3 settimane di tempo per verificare ulteriori ipotesi di cessione e di rilancio di Industria Italiana Autobus. Eppure quel barlume di speranza improvvisamente è sparito”. Lo dichiara il vicepresidente del gruppo dem Toni Ricciardi in Aula di Montecitorio in replica al ministro Urso sull'interpellanza urgente circa l'acquisto di quote di Industria Italiana Autobus.

“Come può – continua Ricciardi - il Gruppo Seri che fattura 300 milioni gestire un'operazione di tale portata e complessità? Noi non mettiamo in dubbio l'onorabilità e la qualità di Seri, ma qui manca trasparenza e chiarezza. Vogliamo conoscere i parametri, le cifre e il perché questa acquisizione ci sembra una storia già scritta. Guarda caso l'altra offerta per IIA, fatta da persone più contigue e prossime alla modalità industriale dell'azienda non è stata presa in considerazione senza motivazioni sulle eventuali manchevolezze. È incomprensibile che dopo l'immissione di 180mln da parte di Leonardo-Invitalia, la rinuncia ai crediti esigibili su IIA, il finanziamento di pullman con i fondi Pnrr, lo Stato esce da un'operazione win-win con la privatizzazione al Gruppo Seri”.

20/06/2024 - 12:49

"Domani il Governo risponderà in aula alla Camera alla nostra interpellanza urgente, a prima firma Elly Schlein, su Industria Italiana Autobus. Interverremo in Aula per il PD per manifestare tutte le nostre preoccupazioni e contrarietà. Per le scelte del Governo. Per una decisione non motivata e che porta la quota di capitale pubblico ad una percentuale simbolica. Perché il Governo non ha ascoltato le regioni Emilia-Romagna e Campania e le Organizzazioni Sindacali, che non sono state chiamate a un incontro con i due Gruppi che hanno presentato delle proposte, per discutere dei rispettivi piani industriali". Così Andrea De Maria e Toni Ricciardi, della Presidenza del Gruppo PD della Camera

13/06/2024 - 21:00

“Stigmatizzo l’utilizzo intimidatorio dei provvedimenti sproporzionati e non coerenti rispetto a chi ha risposto a delle provocazioni e a chi ha picchiato delle persone. E soprattutto rivendico l’onorabilità e la correttezza del mio comportamento visto che sono stato etichettato per due giorni come ‘il picchiatore con le stampelle’, cosa che non ho mai fatto. Non ci lasciamo intimidire dagli atteggiamenti squadristi” così il deputato democratico, Toni Ricciardi.

22/05/2024 - 16:30

"Apprezzo la posizione assunta dal ministro per le Imprese e il Made in Italy, Adolfo Urso, e dalla sottosegretaria Bergamotto che hanno rinviato la decisione sull'acquisizione della maggioranza di Industria Italiana Autobus alle prossime settimane, nell’attesa che si manifestino concretamente alternative valide. Alternative che tutelino i 600 dipendenti e la produzione di autobus nel Paese. E' importante che si concretizzino proposte di acquisto delle quote societarie da parte di chi opera nel settore e dia garanzie serie in termini di occupazione e profilo economico finanziario societario. Così il deputato dem Toni Ricciardi, vicepresidente del gruppo Pd, a margine dell'incontro organizzato al Mimit, sull'acquisizione delle quote di maggioranza di Industria Italiana Autobus.

14/05/2024 - 19:09

Ricciardi, no a svendite o chiusura stabilimenti in Campania e in Emilia Romagna

“Il governo non deve permettere la chiusura degli stabilimenti di Industria Italiana Autobus, né in Campania né in Emilia Romagna. La società, fino a poco tempo fa partecipata da Leonardo, non può essere svenduta o, peggio ancora, lasciata fallire in progetti privi di solidità economica e lungimiranza industriale”. Così il vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, il deputato Toni Ricciardi, interviene al termine dell’incontro odierno tra sindacati e il Ministero delle Imprese e del Made in Italy. “Non è comprensibile – aggiunge Ricciardi – come sia possibile che una società con migliaia di ordini in attivo non possa essere rilanciata e risanata. Perché questo disimpegno dello Stato? Perché Leonardo ha deciso di fare un passo indietro lasciando Invitalia con una quota minoritaria? Sono domande a cui il ministro Urso dovrebbe dare risposte:  ha lui il compito di tracciare la politica industriale del governo. Purtroppo il silenzio è assordante, a parte l’impegno della sottosegretaria Bergamotto a cui chiediamo però un cambio di passo: servono rapidamente soluzioni credibili in grado di garantire i livelli occupazionali e il futuro di un asset strategico per la nostra industria Non accetteremo svendite o la creazione di un bad company per favorire qualche ‘prenditore’ più che reale imprenditore”.

11/05/2024 - 12:15

Dichiarazione di Toni Ricciardi , vicepresidente deputati  Pd
“Nessuna risposta dal governo sul futuro di Industria italiana autobus” lo dichiara il deputato democratico vicepresidente del gruppo del Pd, Toni Ricciardi, che ha chiesto conto al governo degli orientamenti in merito alla cessione delle quote societarie pubbliche di Industria italiana autobus, anche al fine di salvaguardarne i livelli occupazionali. “Non vogliamo svendite - ha ribadito Ricciardi - e ancora oggi non abbiamo avuto rassicurazioni su l’unica azienda che in Italia, con sedi a Bologna e a Flumeri, in provincia di Avellino, è impegnata nella produzione di autobus. Non comprendiamo per quali ragioni Invitalia e Leonardo, che sono nel capitale sociale, abbiano deciso di uscirne e perché il governo non stia facendo nulla per impedirlo. Parliamo di un'azienda strategica, che occupa 600 dipendenti e che ha in pancia un portafoglio di consegne di almeno 1.000 autobus da consegnare a breve scadenza”.

29/04/2024 - 11:39

“Siamo contrari a questo testo sull’autonomia differenziata. Intanto di 2400 emendamenti ne sono stati discussi e votati solo 70, meno del 3 per cento. Ma nel merito assistiamo al ruolo del parlamento e della sua funzione legislativa completamente svuotata dal centralismo sia del governo nazionale che di quello regionale. E ancora la determinazione dei Lep, il regionalismo competitivo, l’istruzione parcellizzata, il fatto di aver usato una legge ordinaria e non di rango costituzionale per trattare questo provvedimento sono tutti segnali che sappiamo porteranno ad una sempre maggiore diseguaglianza fra il Nord e il Sud, fra regioni più avanzate e regioni meno. Non si rispettano nemmeno i dettati del Pnrr, che dovrebbero colmare le diseguaglianze con il Mezzogiorno e le aree interne ma quelle risorse vengono spostate da un’altra parte. Questa riforma ricalca pedissequamente quanto già dichiarato dal ministro Calderoli nel lontano 1994 quando scrisse in un suo libro dal titolo evocativo «Mutate Mutanda» che sarebbe venuto a Roma per distruggere il SSN, e quando qualche tempo dopo dichiarò che l’Italia è come un corpo in cancrena, bisogna tagliare le parti malate, in alto, all’altezza di Pesaro. Ebbene così come il ministro Calderoli dimostra la sua coerenza politica, il Pd esprime tutto il suo disprezzo per la narrazione costruita. Sono 30 anni che la Lega sostituisce la questione settentrionale a quella meridionale.

Infine, la maggioranza abbia rispetto e memoria della loro storia e non dimentichi le parole di Giorgio Almirante, quando nelle sedute del 26-27 gennaio del 1970 disse che se le regioni fossero diventate luoghi di legislazione e di spesa politicizzata, il debito pubblico sarebbe scoppiato. Il debito esplose a partire dal 1975 e 50 anni dopo, probabilmente la storia gli ha dato ragione”.

Lo ha detto in Aula Toni Ricciardi, vicepresidente del gruppo PD alla Camera, relatore di minoranza sull’Autonomia differenziata.

05/04/2024 - 11:35

A Pioltello la Lega mette nel mirino la scuola. Valditara monta tempesta mediatica nazionale per una mera irregolarità burocratica

“A Pioltello la Lega mette nel mirino la scuola strumentalizzando la decisione - adottata all’unanimità dal consiglio di istituto- di sospendere le lezioni in occasione della conclusione del Ramadan, il prossimo 10 aprile.  Una decisione assunta nel rispetto dell’autonomia dell’istituto e soprattutto per motivazioni esclusivamente didattiche, considerando il contesto multiculturale della scuola, per garantire a tutti la continuità didattica.
Nessuna nuova festività - come è stato insinuato da parte della maggioranza- e nessuna motivazione di carattere religioso, come ribadito dai docenti costretti ad una lettera aperta visto il caso nazionale che lo stesso Ministro Valditara ha creato.
Una tempesta perfetta, un vero e proprio caso mediatico, che ha minato la serenità di quella comunità scolastica. Abbiamo assistito con sconcerto a un crescendo di polemiche politiche che ha portato il Ministro ad usare in modo strumentale e scorretto i dati Invalsi. Invece, di andare a Pioltello a portare la sua solidarietà e vicinanza a tutta la comunità scolastica, è stato direttamente protagonista di uno scontro politico che ha compromesso la serenità dell'istituto Iqbal Masih”. Lo ha detto Irene Manzi, capogruppo del Pd in commissione Cultura della Camera, illustrando in Aula una interpellanza urgente al ministro dell’Istruzione e del Merito Valditara.

“La scuola merita rispetto, approfondimento e valutazioni empiriche. Non merita il revisionismo storico del ministro Valditara e non merita un ministro che assume e monta una polemica e una tempesta mediatica a livello nazionale per una contestazione semplicemente formale e fa diventare caso nazionale un modello di integrazione e convivenza per le più giovani generazioni”. Questa la replica del vicepresidente del Pd alla Camera, Toni Ricciardi, il quale ha sottolineato come “in Italia sta diventando consuetudine che i ministri non si presentino in Aula, come sua eccellenza il ministro Valditara per discutere insieme con il Parlamento di una questione diventata caso nazionale proprio a seguito delle azioni intraprese dal ministro medesimo. Non siamo soddisfatti della risposta della sottosegretaria Frassinetti - ha spiegato Ricciardi - poiché ci saremmo aspettati un livello di profondità diversa, una risposta meno burocratica dopo chili di inchiostro speso. La sottosegretaria ci viene a riferire che tutto questo sarebbe successo solamente perché la scuola di Pioltello avrebbe violato la delibera del consiglio regionale della Lombardia per aver chiesto quattro giorni anziché tre di chiusura straordinaria della scuola. Siamo di fronte all’ennesima farsa. Si vuole utilizzare la scuola per brandire la percezione dell'insicurezza e dell'invasione identitaria nei confronti dell'altro, perché la migrazione è percezione. Il Ministro si è incamminato in questa disquisizione sul concetto di identità e su come si dovesse preservare non so da quale attacco esterno, dimenticando che oltre il 60 per cento di questi ragazzi sono classificabili come seconde generazioni, come secundos, come persone che sono nate in questo Paese, come persone che parlano, probabilmente, l'idioma lombardo, sicuramente meglio di me".

28/03/2024 - 16:54

Costituzione chiara, italiani hanno stessi diritti indipendentemente da luogo di residenza

 

“Anche oggi, nel corso delle audizioni parlamentari, abbiamo ascoltato un unanime coro di critiche alla riforma sull’autonomia differenziata” così il vicepresidente del gruppo del Pd della Camera, Toni Ricciardi, che sottolinea come “davanti alle tante voci che stanno smontando il progetto da un punto di vista economico, giuridico e sociale, la maggioranza continua con forzature regolamentari per accelerare l’esame parlamentare. È vergognoso, stanno vivendo la normale discussione di merito come un ostacolo al raggiungimento dei propri obiettivi eversivi, che nascono dalle idee di Calderoli del 1994 quando, in un libello dal titolo significativo ‘mutate mutanda’, manifestava la strategia per scardinare l’unità del paese. Nel merito del provvedimento – sottolinea Ricciardi - è sbagliato trattare i diritti dei cittadini al pari dei servizi. Siamo su piani diversi e la nostra Costituzione è chiara: gli italiani hanno tutti gli stessi diritti, indipendentemente dal luogo di residenza”.

27/03/2024 - 14:54

Su questione balneari profonda anomalia che il ministro del Turismo sia gestore del più importante lido italiano

"Condivido la preoccupazione di trovare il punto di equilibrio delle licenze nuove che vengono aperte; tuttavia è giunto il momento anche di fare un po' di programmazione: quadro delle licenze e delle macchine che ci sono, coloro che vanno in pensione, che fittano la licenza una volta in pensione e chi ancora è in servizio. E' giunto il momento che le amministrazioni territoriali, il governo e le cooperative dei taxi ed ncc si siedano intorno ad un tavolo e facciano una programmazione da qui ai prossimi dieci anni. Quante licenze servono? Come le andiamo a spalmare sugli anni? Però occorre anche fare un pò di chiarezza, cosa che non sembra faccia il ministro Salvini: se tu obblighi gli Ncc ogni corsa a dover rientrare in sede diventa molto complesso per loro. Il ministro dei Trasporti Salvini fa confusione fra chi ha le licenze che sono molto pochi e chi non le ha, oppure dobbiamo pensare che Salvini non abbia mai preso un Ncc in vita sua. In questo Paese siamo avviluppati su discussioni surreali". Lo ha detto Toni Ricciardi, vicepresidente del gruppo PD alla Camera dei Deputati, ospite di ReStart su Rai 3.

Sulla questione dei balneari Ricciardi ha detto: "Il Governo Draghi aveva avviato la mappatura della questione, ma ora il governo è in alto mare. Ci sono famiglie che hanno investito in imprese balneari e vanno tutelate. Dall'altro lato c'è un patrimonio a cui si fa fatica a metter mano, perché se vediamo chi è il gestore di uno dei lidi più importanti d'Italia, ossia il ministro del Turismo, ma chi e cosa deve disciplinare? Pippo, Pluto e Paperino! E' chiaro che c'è una enorme anomalia. Per i balneari vale lo stesso discorso del catasto: se un Paese non riesce a mappare a conoscere la proprietà fino all'ultimo centimetro che possiede è un problema".

25/03/2024 - 11:50

“Questa sera a Potenza andrà in scena la prima passerella governativa in vista delle elezioni regionali in Basilicata. Uno schema  già visto, che si ripeterà nelle prossime settimane con tutti i componenti del governo, che sfileranno in spregio a ogni decenza istituzionale. Un vero insulto all’intelligenza lucana che saprà riconoscere chi fa false promesse da chi presenta una vera alternativa per il rilancio della regione” così il deputato democratico, vicepresidente del gruppo del Pd della Camera, Toni Ricciardi.

21/03/2024 - 12:28

“Nel corso dell’esame del Dl Elezioni, il governo ha respinto gli emendamenti dei deputati Pd eletti all’estero che chiedevano di permettere il voto dal territorio di residenza estera anche ai cittadini italiani iscritti all’Aire che vivono nei Paesi extra Ue. Un fatto grave che crea un vuoto democratico nella formazione del Parlamento europeo visto che alcuni milioni di italiani non potranno esercitare il diritto di voto. Si tratta di una battaglia di civiltà e di democrazia: non si possono cancellare i diritti politici o renderli praticamente non fruibili ai connazionali che vivono all’estero e già esprimono il loro voto per la formazione del Parlamento nazionale. Il Partito Democratico continua a battersi affinché tali diritti vengano salvaguardati adeguatamente”.

Lo dichiarano i deputati del Pd: Christian Di Sanzo, Fabio Porta, Toni Ricciardi, Nicola Carè e il responsabile nazionale Italiani nel Mondo del Pd, Luciano Vecchi.

04/03/2024 - 19:43

Nulla è cambiato da posizioni scritte nel suo libro ‘mutate mutanda’ del 1994

“Grande rispetto per Calderoli che, coerentemente a quanto scrisse nel suo libello del 1994 ‘mutate mutanda’, dal titolo significativo, si conferma l’antimeridionalista per eccellenza. Gli porteremo, non una scatola, ma un tir di Maalox per l’opposizione che faremo al suo spacca Italia”. Così il deputato democratico, componente dell’ufficio di presidenza del gruppo Pd della Camera, Toni Ricciardi.

27/02/2024 - 15:53

Il governo continua ad accanirsi incomprensibilmente sui lavoratori frontalieri tra Italia e Svizzera. Dopo l’introduzione dell’ingiusta tassa sanitaria, adesso rischiano di trovarsi nell’incertezza più totale senza vedersi riconosciuti i propri diritti ed essendo tassati due volte. Ci è stata segnalato, infatti, che nella definizione degli elenchi dei comuni frontalieri del nuovo accordo sono stati cancellati interi comuni soprattutto nella provincia di Sondrio, ma non solo. Con la nuova modalità introdotta che prevede una tassazione dell'80% da parte della Svizzera con l'aggiunta anche di dichiarazione sul versante italiano del reddito prodotto, questi lavoratori si trovano a dover fa fronte ad un carico fiscale che esplode improvvisamente, ma soprattutto si trovano fuori dai vantaggi e delle attenzioni fiscali che sia l'accordo del 74, sia i successivi accordi hanno previsto. Queste persone hanno il diritto di capire chi ne stia tutelando gli interessi perché che nel giro di pochi mesi si sono visti un accordo firmato che istituiva un tavolo con le parti sociali mai convocato, si trovano tassati con una nuova tassa sanitaria ingiustificata e adesso sono sottoposti ad un carico fiscale completamente diverso. Per questa ragione chiediamo un intervento urgente del governo con il Canton Ticino e il Canton Grigioni per sanare al più presto questa grave situazione.

 

Così Toni Ricciardi, vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, nella replica al question time al governo in commissione Finanze.

Pagine