Dl Genova: Lepri, Toninelli assente perché ‘silenziato’ dopo gaffe?

  • 25/10/2018

“Durante il lavoro in Commissione e ora in aula sul decreto Genova non abbiamo mai visto il ministro Toninelli”. Lo dichiara Stefano Lepri, deputato del Partito democratico, a proposito della discussione in Aula sul Decreto Genova.

“Dopo tutte quelle sparate lo avranno silenziato. E dire che il decreto lo aveva scritto lui, con tutto il cuore. Se anche lunedì non si presenterà sarà chiaro: oltre al commissario di Genova avremo anche un altro commissario: quello del ministro”, conclude.

Dl Genova. Borghi, governo nel caos, urgente capigruppo

  • 25/10/2018

“Dopo l’ennesimo rinvio, chiediamo l'immediata convocazione della Conferenza dei capigruppo perché, a causa della incapacità del Governo di presentarsi puntuale con tutta la documentazione necessaria, c'è stata una diversa organizzazione dei lavori e noi vogliamo capire come saremo in grado di intervenire". Lo ha detto Enrico Borghi, della presidenza del Gruppo Pd della Camera, intervenendo in Aula nel dibattito sul decreto Genova.

Camera: Borghi, anche la prossima settimana un solo giorno di lavoro in aula (su mozioni)

  • 19/09/2018

“L’esito della capigruppo di oggi ci consegna un Parlamento impegnato a lavorare esclusivamente su propria iniziativa. Sono scomparsi dai radar i provvedimenti del governo, e l’aula sarà impegnata la prossima settimana per un solo giorno di votazioni su mozioni proposte da gruppi di opposizione”.

Lo dichiara Enrico Borghi, della presidenza del Gruppo Pd.

Milleproroghe. Borghi, Pd contrario a interrompere discussione in aula, 5s occupavano banchi con atti squadristi

  • 12/09/2018

 Intervenendo in aula per riaffermare la contrarietà del gruppo del Pd a interrompere la discussione generale sul decreto Milleproroghe, il deputato  Enrico Borghi ha affermato che “Il partito democratico è fermamente contrario all’interruzione del dibattito in aula.

Governo: De Menech, Conte elogia precedenti governi, Salvini scappa

  • 06/06/2018

"Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella sua replica alla Camera è riuscito a far scappare persino Salvini. Forse perché ha cominciato a elencare i provvedimenti e le politiche dei governi a guida Pd senza criticarli aspramente. Dalla riforma della scuola alla gestione dei flussi migratori, Conte ha avuto l’onestà intellettuale di riconoscere i progressi ottenuti dal nostro Paese in questi cinque anni. Un atteggiamento evidentemente indigeribile per il segretario della Lega.

L. elettorale: Parrini, Tutte le falsità del M5s sul voto di oggi

  • 08/06/2017

“Oltre che patologicamente inaffidabili quelli del M5s sono patologicamente bugiardi. Infatti hanno difeso il voto sleale dato in aula per l’estensione del nuovo sistema elettorale proporzionale al Trentino-Alto Adige (contro la quale avevano votato in commissione!) sostenendo che a ciò li costringeva la volontà di impedire un patto di potere tra Pd e Svp che avrebbe garantito a quest’ultima una scandalosa sovra rappresentazione. Falso”.

Così in un post sul suo profilo Facebook il deputato Dem Dario Parrini.

L. elettorale: Gribaudo, M5s tradisce la parola data

  • 08/06/2017

“E’ assurdo che il Movimento 5 Stelle, dopo aver votato contrario a questo stesso emendamento in Commissione, cambi opinione in Aula. Si tratta di una chiara e determinata volontà di far fallire l’accordo fra le quattro forze politiche, accordo che il Partito Democratico ha accettato in virtù dell’invito del Presidente della Repubblica. Il Quirinale ha chiesto a tutte le forze parlamentari pacificazione e condivisione di una tematica così importante come la legge elettorale.

Pagine