Nucleare: Borghi, da Salvini solo propaganda

  • 07/01/2022

"Sul nucleare Salvini fa solo propaganda spicciola in versione Papeete. Se davvero vuole lavorare per la sicurezza energetica, concordi con noi sullo stop al regalo dell'idroelettrico italiano ai fondi esteri (creato dalle leggi a firma Lega). Altrimenti solo parole al vento". Lo scrive su Twitter il deputato dem Enrico Borghi, responsabile nazionale Sicurezza del PD.

Ue: P. De Luca, nucleare e gas scelta sbagliata per futuro

  • 05/01/2022

"La bozza della Commissione UE per includere nucleare e gas nella tassonomia, come fonti sostenibili, non ci convince ed è una scelta sbagliata, come ha chiarito Enrico Letta. Queste attività presentano forti rischi e non sono la strada da percorrere per la transizione ecologica". Lo scrive su Twitter Piero De Luca, vicecapogruppo del PD alla Camera.

Nucleare: Rotta, Salvini senza credibilità e serietà

  • 10/09/2021

“Per capire chi è Salvini è sufficiente osservare il suo atteggiamento rispetto al tema complesso del nucleare che richiederebbe un ampio approfondimento e dibattito pubblico. Non certamente le solite sparate del segretario della Lega. Oggi sta con il ministro Cingolani, definendo il nucleare ‘un'energia più pulita e meno pericolosa di altre’.

Nucleare, Pezzopane: deposito per rifiuti radioattivi frutto di lavoro con i territori e trasparenza

  • 13/04/2021

“Il Partito democratico ritiene indispensabile e non più rinviabile la realizzazione del deposito nazionale per i rifiuti radioattivi. Va recuperato un grave ritardo e ci siamo adoperati a tal fine nell’azione di governo anche del precedente, grazie in particolare al prezioso lavoro dell’ex sottosegretario Morassut. La prima fase si è conclusa con la fondamentale pubblicazione della Carta ed ora interveniamo con questa mozione sulla seconda fase a cui vogliamo dare un indirizzo preciso: che si faccia presto e bene.

Milleproroghe: Pd, a Comuni più tempo per osservazioni su deposito nucleare

  • 20/02/2021

“I Comuni avranno più tempo per fare le loro osservazioni sulla mappa delle aree utilizzabili per il deposito delle scorie nucleari, così come il PD aveva chiesto. Bene l’approvazione dell’emendamento nelle commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera che, assorbendo anche l’emendamento presentato dal Partito Democratico, dà 180 giorni anziché 60 per la consultazione avviata dopo la pubblicazione della carta Cnapi, la Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee a ospitare il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico.

Nucleare: Gariglio, percorso sito sarà trasparente, da Cirio polemiche strumentali

  • 26/01/2021

“Il Presidente Cirio stia tranquillo, la scelta del deposito delle scorie radioattive sarà trasparente, rispettosa della volontà delle comunità locali e della vocazione agricola, turistica ed ambientale dei territori. La Regione Piemonte smetta di polemizzare su tutto e si attivi concretamente, coinvolgendo gli enti preposti, per verificare se i siti potenzialmente idonei hanno realmente l’attitudine ad ospitare il deposito nazionale”. È quanto dichiara il deputato dem Davide Gariglio.

Nucleare: Braga-Pezzopane, presentato emendamento al Milleproroghe per ampliare tempi osservazioni

  • 13/01/2021

“Massima trasparenza e partecipazione dei territori nella scelta di individuazione del sito per il deposito dei rifiuti nucleari. Per questo presenteremo un emendamento al decreto Milleproroghe per ampliare i tempi già previsti dalla legge del 2010 per la  presentazione delle osservazioni alla CNAPI pubblicata nei giorni scorsi da SOGIN”. Lo dichiarano in una nota le deputate dem  Stefania Pezzopane, capogruppo in commissione Ambiente e Chiara Braga, Responsabile nazionale Agenda 2030 e Sostenibiltà del Partito Democratico.

Nucleare: Lepri, necessario individuare depositi adatti per scorie

  • 11/01/2021

“La decisione di riprendere il percorso per collocare il deposito nazionale delle scorie nucleari è importante soprattutto in Piemonte, dove oggi sono conservate temporaneamente scorie nucleari pericolose in modo non totalmente sicuro. La ricerca dei potenziali siti, peraltro, non potrà prendere in considerazione territori che per varie ragioni, ad esempio vocazioni agricole riconosciute, tutela di ambienti di pregio, danni ambientali già subiti, appaiono fin da subito, con assoluta evidenza, non adatti”.

Nucleare: Sani, preoccupazioni condivisibili, ma evitare allarmismi Dubito scelta riguardi potenziali siti toscani

  • 08/01/2021

"Comprendo e condivido le preoccupazioni dei territori toscani presenti nella lista di Sogin per il deposito nazionale di scorie nucleari, ma l'individuazione delle aree potenzialmente idonee è soltanto una prima selezione di zone con determinati parametri morfologici, sismici, ambientali e demografici. Sicuramente una seconda e approfondita cernita escluderà luoghi ad altissimo pregio naturalistico, ambientale, agricolo e turistico come la Val d'Orcia e la Maremma.

Pagine