Bankitalia: Quartapelle, in democrazia si può criticare

  • 19/10/2017

"Avendo più di un dubbio sulla nostra mozione su Bankitalia non l’ho votata. Non ho però nessun dubbio nel giudicare inaccettabili e deplorevoli le critiche dei commentatori che hanno definito quello del Parlamento “un atto eversivo” o “una bomba contro la Banca d’Italia”. Lo afferma la deputata PD Lia Quartapelle, che aggiunge:

"In democrazia non esistono istituzioni insindacabili e i loro vertici non appartengono a una casta superiore. 

Tags: 

Bankitalia: Fregolent, da Di Maio incredibile lacuna su nomine

  • 19/10/2017

“Parlando di Bankitalia e Consob oggi il vicepresidente della Camera Di Maio ha fatto registrare una nuova, incredibile lacuna, questa volta sulla storia italiana degli ultimi anni”.  Lo dichiara Silvia Fregolent, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, per commentare le dichiarazioni di Luigi Di Maio a proposito di Bankitalia.

Tags: 

Bankitalia: Di Maio, “dati debito ed entrate, premiano politiche riformiste”

  • 14/04/2017

“Le buone notizie contenute nel bollettino diffuso oggi dalla Banca d’Italia ci segnalano due aspetti economici molto importanti sullo stato del nostro ‘Sistema Paese’. La discesa del debito pubblico (che sfiora gli undici miliardi di euro tra gennaio e febbraio) e l’aumento delle entrate (+28 miliardi a febbraio rispetto allo stesso mese del 2016) ci confermano, infatti, la positiva direzione di marcia intrapresa dai conti pubblici italiani.

Bankitalia: Fregolent, ripresa del Paese dimostrata con i fatti

  • 14/04/2017

“Il Paese è in ripresa e lo dimostra con i fatti. Mentre c’è chi rema contro le riforme e tifa perché si apra una procedura europea per la violazione della regola di riduzione del debito, arrivano i dati positivi di Bankitalia che registra a febbraio una netta riduzione del debito, pari a 10,7 miliardi in un mese, e un aumento delle entrate tributarie di 28 miliardi”.
- così Silvia Fregolent, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico, commentando i dati diffusi oggi dalla Banca d’Italia nel rapporto “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” -

Pagine