Ue: Berlinghieri, con abolizione roaming cade altro muro a libertà circolazione

  • 14/06/2017

“L’eliminazione della tariffa di roaming nei Paesi dell’Unione europea che entrerà in vigore domani, cioè quel costo aggiuntivo per l’uso dei cellulari quando si viaggia all’estero, è da considerare come una vera e propria rivoluzione nelle telecomunicazioni. Cade così un altro muro alla libera circolazione delle cittadine e dei cittadini europei. La fine del roaming e la net neutralità, la garanzia di democrazia nell’utilizzo di internet, sono state due priorità dell’Italia ed è questa l’Europa per la quale ci battiamo.

L. elettorale: Nicoletti, ecco perché modello Trentino Alto Adige va difeso

  • 08/06/2017

“Votando contro l’emendamento abbiamo cercato di impedire un vulnus ai danni della specificità del Trentino Alto Adige che si basa su precisi accordi internazionali. Quello previsto per la Regione a statuto speciale è un impianto elettorale che ha superato anche il vaglio della Corte Costituzionale e che prevede otto collegi maggioritari e i listini proporzionali. Al Senato, dal ’48 ad oggi, sono sempre stati previsti i collegi uninominali, anche durante gli anni del Porcellum.

Clima: Realacci, un'America che ci piace sta reagendo alla scelta ideologica di Trump

  • 06/06/2017

“Un’America che ci piace sta reagendo alla scelta ideologica di Trump.  L’ambasciatore statunitense a Pechino, David Ranks, si è dimesso in segno di protesta contro la nuova politica sui mutamenti climatici.  Il fronte del dissenso si sta allargando: dal mondo delle imprese, alla società civile a numerosi Stati e Città.  A partire dalla California, che è lo stato economicamente più forte,  che ha assunto gli stessi obiettivi di abbattimento delle emissioni inquinanti dell’Unione Europea.

Migranti: Gelli, dati Unicef su minori inquietanti, non è Europa che vogliamo

  • 30/05/2017

"L’Europa ha ricollocato soltanto un minore non accompagnato delle migliaia arrivati sulle coste italiane. Questa non è l’Europa che vogliamo. Questo è il fallimento delle politiche europee. Ma la conseguenza più grave, oltre al fallimento delle politiche europee, è il rischio che questi minori non accompagnati diventino invisibili, veri e propri fantasmi che, scappando dai nostri centri di accoglienza, finiscono nelle maglie dell’illegalità e dello sfruttamento.

Albania: Chaouki, sosteniamo con convenzione ingresso in Europa

  • 26/05/2017

"L'Italia sostiene con convinzione il processo di adesione dell'Albania all'Unione Europea. Dobbiamo moltiplicare le occasioni di collaborazione e scambio soprattutto tra i nostri studenti e i principali attori della società civile. Grazie al Presidente del Parlamento albanese Illir Meta per la sua accoglienza e ai colleghi parlamentari albanesi per la loro amicizia e sentimento di vicinanza all'Italia."

Minori: Zampa, in Italia il 92% dei non accompagnati, Europa spalanchi le porte

  • 18/05/2017

“Tutta l’Europa spalanchi le sue porte ai tanti bambini soli che scappano da guerre e fame in cerca di un futuro”. Lo dice Sandra Zampa, vicepresidente commissione Infanzia, commentando i dati Unicef: su 170.00 bambini registrati che hanno lasciato il proprio paese da soli,  in fuga da guerre a fame, ben il 92 % di loro  ha raggiunto l’ Italia.
“L’Unicef – prosegue Zampa - conferma con dati alla mano quanto è già prevedibile considerando  gli sbarchi di emigrati quotidiani e continui  sulle nostre coste.

Ue. Bordo: Calo infrazioni grande prova di forza Italia

  • 02/05/2017

"L'abbattimento del numero di procedure di infrazione europee nei confronti dell'Italia va celebrato come un grande successo di Parlamento e Governo che, in questi anni, hanno collaborato in maniera sistematica per approvare rapidamente le leggi europee riducendo non solo le procedure gia' avviate ma anche i casi di precontenzioso con Bruxelles. I frutti di questo lavoro metodico sono sotto gli occhi di tutti: siamo passati dalle 116 procedure di infrazione del 28 maggio 2014 alle 66 di oggi.

Ue: Berlinghieri, Brexit diventi opportunità per rilancio Europa

  • 27/04/2017

“La Brexit rappresenta per l’Europa un fatto che costringe tutti, drammaticamente ma anche positivamente, ad interrogarci sulla strada da percorrere. Occorre avere ben chiara la consapevolezza che il referendum britannico, anziché costituire l’inizio della fine della costruzione europea, può rappresentare, al contrario, una straordinaria opportunità per il suo rilancio.

Pagine