08/07/2020 - 11:20

“Con alcuni emendamenti al Decreto Rilancio approvati in commissione, si è provveduto a sostenere ulteriormente le tante società sportive dilettantistiche nel momento di difficoltà attuale, causato dall’emergenza sanitaria ed economica. Si tratta di realtà, quelle sportive, che si fondano sull’impegno volontario di tanti appassionati e sull’indispensabile sostegno di sponsorizzazioni dal settore economico.

Grazie all’impegno delle diverse forze politiche, oltre ad aumentare le risorse destinate al mondo sportivo, sono stati prorogati al 30  settembre i pagamenti per le concessioni in uso del patrimonio sportivo pubblico; è stata introdotta la possibilità di prorogare tali convenzioni per ulteriori 3 anni previo accordo dei contraenti; è stato disposto l’ulteriore stanziamento di 30 milioni a fondo perduto; è stato allargato anche a loro l’incentivo per la riqualificazione energetica e sismica (Ecobonus) degli spazi adibiti a spogliatoi; infine, è stata disposta una garanzia di 30 milioni di euro per l’accesso al credito, a sostegno della liquidità delle stesse associazioni.” Lo dichiara in una nota Andrea Rossi deputato del Partito Democratico.

“Resta purtroppo il rammarico - sottolinea il deputato dem - per la mancata approvazione del nostro emendamento, che era volto a introdurre il credito d’imposta del 50% per le sponsorizzazioni: esso poteva essere un forte attrattore di sostegni privati, utili ad assicurare la continuità di tante società dello sport italiano professionistico e dilettantistico, non solamente di alto livello. E’ davvero ‘una battaglia di civiltà disattesa’, come ci ha ricordato il Comitato 4.0 che raccoglie le più importanti Leghe sportive italiane. Proprio per questo, con i colleghi Luca Lotti e Patrizia Prestipino, abbiamo presentato un ordine del giorno al Decreto Rilancio per impegnare il governo a garantire, nel primo provvedimento utile a valenza economica, tale misura, a favore dello sport e del suo rilancio concreto e di seguito chiederemo un incontro al ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri per fargli presente l’importanza di tale provvedimento.”

07/07/2020 - 18:49

“Salvini ha scambiato la mascherina anti contagio per quella di carnevale e così non ha letto che abbiamo acquistato macchinari per farle produrre in Italia e con l'incentivo CuraItalia dipendiamo sempre meno dall'estero. Ci siamo così sottratti a una guerra commerciale e a settembre saremo autonomi. Quanto alle scuole, il Commissario svolgerà come sempre un ruolo di coordinamento anche perché in quanto strutture dipendono da comuni e province e quindi necessitano di una gestione straordinaria per la messa in sicurezza e la ripresa”.

Lo dichiara Romina Mura, deputata del Partito democratico.

07/07/2020 - 18:31

“Di quale fallimento parla Salvini sulla questione mascherine? Lo sa che in Italia non c’è più alcun problema di rifornimento? Che sono 139 le aziende italiane che hanno riconvertito la loro produzione a questo scopo e che l’Italia a breve non avrà più bisogno di importarle? La riapertura dell’anno scolastico in sicurezza è un tema troppo serio per aprire polemiche sterili e se si sono estesi i poteri del commissario Arcuri per questo obiettivo è solo perché lo consideriamo un aspetto centrale della vita del Paese”.

Lo dichiara la deputata del Pd, Patrizia Prestipino, docente e membro della commissione Scuola di Montecitorio, in merito alle dichiarazioni stampa di Matteo Salvini.

07/07/2020 - 17:05

“L’emergenza epidemica sta mettendo a dura prova la disciplina del lavoro a termine, e crediamo sia necessario un intervento organico che preveda una distinzione tra le esigenze della fase dell'emergenza e quelle della ripresa produttiva, sia per quanto riguarda gli obiettivi che gli strumenti.

Nella fase dell'emergenza, è stato utile aver assicurato la proroga della scadenza dei contratti a termine e di apprendistato in misura pari al periodo di sospensione dell'attività produttiva imposta dall’autorità per il lockdown, sia nell’interesse dei lavoratori che delle imprese. E’ evidente, infatti, che alla ripresa delle attività è interesse di entrambe le parti, soprattutto all'interno di piccole imprese e del non facile mondo dell'artigianato, riprendere un rapporto di lavoro a termine già in atto, fermo restando - ovviamente - che nessuna deroga è stata introdotta alle regole generali sul recesso prima della scadenza.

Per la fase della ripresa produttiva, invece, occorre riportare al più presto nell’alveo del sistema di relazioni sindacali l'individuazione delle causali per la stipulazione del contratto a termine. Ed è su questo specifico profilo che occorre un urgente sforzo di innovazione in grado di coniugare l'interesse dei lavoratori e quello delle imprese. Sul piano economico, infatti, gli effetti dell’emergenza epidemiologica si traducono anzitutto in una diffusa incertezza produttiva ed organizzativa: a questa incertezza, e non ad altro, può corrispondere un’esigenza di flessibilità e di governo della flessibilità che trova nelle parti sociali i regolatori principali. Si tratta dunque di governare questa fase di incertezza produttiva, sulla base di un costante dialogo tra i diretti interessati”.

Lo dichiarano in una nota, i deputati del Partito democratico Debora Serracchiani e Antonio Viscomi, capogruppo e componente della commissione Lavoro della Camera.

07/07/2020 - 16:14

"Il raddoppio della ferrovia Pontremolese è stato finalmente sbloccato. Dopo lo stop del precedente governo giallo verde l'infrastruttura, finanziata con il Decreto Rilancio per 93 milioni di euro, è stata inserita nel programma 'Italia veloce', il piano di investimenti per il rilancio dell'economia messo a punto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che affianca il Decreto semplificazioni": è quanto dichiara la deputata Pd, Martina Nardi.

"Il Governo Gentiloni aveva inserito l'opera nel programma pluriennale degli investimenti di Rfi ma l'opera era stata inspiegabilmente bloccata. Oggi arriva finalmente la conferma del suo completamento: la Pontremolese rappresenta infatti una tratta strategica sia per i pendolari del territorio sia per i collegamenti del Corridoio Tirreno-Brennero ferroviario per il traffico merci": conclude Martina Nardi.

07/07/2020 - 15:18

"Sono felice che il governo abbia accolto la richiesta di annullare la proroga di validità del Durc fino all'autunno, e limitarla al 31 luglio. La crisi non può essere una deroga ai diritti dei lavoratori e alla legalità nel settore edile. La sicurezza sul lavoro, la certezza contributiva, io contrasto alle infiltrazioni criminali negli appalti non sono criteri da scambiare con la ripresa dei cantieri, perché sarebbe un tremendo passo indietro. Questo principio è valso oggi e dovrà valere in tutti i provvedimenti anti crisi dei prossimi mesi." Lo dichiara la vice capogruppo del Pd alla Camera, Chiara Gribaudo.

07/07/2020 - 14:55

“Considero positivo l’interesse dimostrato dal governo nei confronti della Sardegna, perché l’acqua è una risorsa essenziale non solo per la vita di tutti noi ma anche per lo sviluppo del nostro territorio.” Lo dichiara in una nota il deputato dem Andrea Frailis commentando le parole del premier Conte in merito al commissariamento di 9 dighe in Sardegna.

“Accolgo con favore questo intervento - sottolinea il deputato dem - che riguarda anche la messa in sicurezza di grandi dighe esistenti e mi auguro che quando arriverà il tempo di scegliere i commissari il governo condivida i nomi con la Regione Sardegna.”

07/07/2020 - 14:53

"Il raddoppio della ferrovia Pontremolese è stato finalmente sbloccato. Dopo lo stop del precedente governo giallo verde l'infrastruttura, finanziata con il Decreto Rilancio per 93 milioni di euro, è stata inserita nel programma 'Italia veloce', il piano di investimenti per il rilancio dell'economia messo a punto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che affianca il Decreto semplificazioni": è quanto dichiara la deputata Pd, Martina Nardi.

"Il Governo Gentiloni aveva inserito l'opera nel programma pluriennale degli investimenti di Rfi ma l'opera era stata inspiegabilmente bloccata. Oggi arriva finalmente la conferma del suo completamento: la Pontremolese rappresenta infatti una tratta strategica sia per i pendolari del territorio sia per i collegamenti del Corridoio Tirreno-Brennero ferroviario per il traffico merci": conclude Martina Nardi.

07/07/2020 - 14:21

"Non può essere buona semplificazione quella che mette in secondo piano il contrasto al rischio delle infiltrazioni criminali negli appalti pubblici e la tutela della salute e dei diritti dei lavoratori. Per questo la reintroduzione dell’obbligo della validità del Durc al 31 luglio, su cui il Pd ha insistito, è una buona notizia. Il Partito democratico sarà sempre in prima linea nella lotta all’illegalità, nella battaglia per difendere la correttezza, per tutelare le imprese oneste, per impedire che la necessaria opera di velocizzazione delle opere possa aprire le porte ad una pericolosa deregulation".
Così il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio

07/07/2020 - 13:54

"Che Salvini candidi donne senza poi farle parlare l'abbiamo già visto in Emilia Romagna, avremmo sperato che almeno in Toscana potesse rinunciare per 10 minuti ai suoi slogan populisti e dare spazio alla candidata. Fino ad oggi non riusciamo infatti a capire, a parte la rinuncia a Imagine di John Lennon nelle manifestazioni ufficiali e alla foto del Presidente della Repubblica negli uffici pubblici, quale siano i suoi programmi per il governo della Regione": è quanto dichiara Lucia Ciampi, deputata Pd sulla campagna elettorale del centrodestra in Toscana.

07/07/2020 - 13:35

“È un’ ottima traccia di lavoro da percorrere quella rilanciata dal Commissario Gentiloni sulla base della proposta del Fiscal Board. Lavoriamo a Bruxelles per ipotizzare una riattivazione assolutamente graduale del Patto di Stabilità e soprattutto per utilizzare come punto di riferimento non solo il ritorno alla crescita ma anche il ritorno alla situazione precedente, per l'insieme dei Paesi. È un criterio che consentirebbe di riformulare, di fatto, in modo nuovo il Patto di stabilità”. Lo dichiara il deputato dem Piero De Luca secondo il quale “occorre lavorare da subito per un vero e proprio nuovo patto di stabilità che possa entrare nuovamente in vigore con condizioni differenti che tengano conto di una situazione economico-finanziaria radicalmente diversa a seguito dell'emergenza sanitaria. E' più che mai improcrastinabile infatti – conclude De Luca - definire un patto di stabilità decisamente più innovativo e con regole aggiornate che non ostacolino, ma agevolino la ripresa e la ripartenza economica in tutti gli Stati membri.

07/07/2020 - 11:16

“Per noi la sicurezza e i diritti vengono prima di tutto, per questo esprimiamo soddisfazione per la reintroduzione, voluta fortemente dal Pd all’interno del Dl Semplificazioni, dell’obbligo della validità del Durc al 31 luglio per gli appalti pubblici”. Lo dichiarano le deputate democratiche della commissione Lavoro Debora Serracchiani (capogruppo) e Carla Cantone.

“Favorire la ripresa con l’apertura dei cantieri e nuove opere - spigano le deputate dem - non deve coincidere con lo sfruttamento al nero dei lavoratori e la compressione delle norme sulla sicurezza. Il Pd si batterà sempre per difendere la salute di chi lavora e impedirà in tutti i modi che la criminalità organizzata possa infiltrarsi nell’opera di rilancio che attende il Paese grazie anche ai fondi stanziati dall’Europa. E proprio per questo è importante introdurre la congruità del Durc, affinché le imprese oneste possano operare e i lavoratori continuino a ricevere diritti e tutele esistenti nelle grandi democrazie occidentali.”

06/07/2020 - 18:42

"Dal decreto Rilancio arrivano norme concrete a sostegno del commercio ambulante": è quanto dichiara Martina Nardi, capogruppo Pd in commissione Attività produttive della Camera.

"Nel testo è stato infatti inserito un emendamento del Partito democratico (a prima firma del deputato Marco Lacarra e sostenuto da tutti i membri Pd della commissione Attività produttive della Camera) che prevede la proroga di 12 anni per i commercianti che attualmente utilizzano aree pubbliche non ancora riassegnate ed in scadenza entro il 2020. Viene inoltre data la possibilità ai Comuni di prevedere, in deroga alle norme vigenti, la concessione di ulteriori spazi per allestire nuovi mercati".

06/07/2020 - 17:40

"Voglio ringraziare il Consiglio Comunale di Bologna, che ha approvato oggi l' Ordine del Giorno, proposto dalla Consigliera Lembi in accordo con il Sindaco, per la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki. Una iniziativa istituzionale  di grande significato, in sintonia con i valori della nostra comunità. Un gesto concreto per sostenere la battaglia per chiedere libertà per Zaki". Così Andrea De Maria; deputato PD e Segretario di Presidenza della Camera.

06/07/2020 - 17:23

“La mancata approvazione delle modifiche volute dalla maggioranza è dovuta a semplici motivi tecnici legati all’anticipazione della chiusura dei lavori della commissione Bilancio, anticipazione voluta tra l'altro dalle opposizioni, con la conseguente mancata  bollinatura della Ragioneria generale dello Stato per mancanza di tempo. Ma la sostanza politica non cambia, il completamento della ricostruzione nei territori colpiti dal sisma del 2009 e del 2016-2017 è una priorità assoluta per il Partito democratico, è per noi una questione nazionale”.

Lo dichiarano in una nota Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera, e Stefania Pezzopane, della presidenza del Gruppo.

“Con il decreto Sisma di novembre, infatti, abbiamo innovato profondamente il quadro normativo, il che ha consentito al commissario per la ricostruzione Giovanni Legnini di poter emanare ordinanze ad hoc di forte semplificazione. Gli emendamenti presentati dal Pd e dalla maggioranza al decreto Rilancio vanno esattamente nella direzione di completare questo quadro. Vogliamo ricordare le nostre priorità: proroghe e stabilizzazione del personale; ulteriore semplificazione delle procedure; rilancio socio economico con la zona franca urbana ed il fondo del 5% per il rilancio socio economico, il sisma bonus rafforzato. Abbiamo chiesto con forza al governo, che già  nei decreti in corso d'opera, primi tra tutti il decreto Semplificazioni e lo scostamento di bilancio, inserisca subito gli emendamenti più importanti ed urgenti”.

Pagine