06/02/2018 - 20:03

"Di Battista ha preso l'ennesimo colpo di sole fuori stagione. Straparla non sapendo come trascorrere più utilmente il suo tempo. Inveisce contro i sindacalisti per mascherare, senza riuscirsi, la sua ostilità verso il mondo del lavoro. Noi fanatici del Jobs Act? Ridicolo: di fanatico, al momento, è rimasto solo Di Battista". Lo dichiara Cesare Damiano, leader  dell'area laburista del PD.
"Le nostre proposte per cambiare il Jobs Act sono, da sempre, semplici e chiare: rendere strutturali gli incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato, perché il lavoro stabile deve costare meno di quello flessibile; rendere più costoso il licenziamento illegittimo, che oggi è troppo facile e poco oneroso", conclude.

06/02/2018 - 18:45

Presentate in commissione Giustizia e Ambiente numerose interrogazioni 

“Il giro di malaffare di personaggi siracusani messo in luce dagli arresti avvenuti stamani era stato oggetto, in tempi non sospetti, di alcune interrogazioni che ho presentato insieme al capogruppo dem in commissione Giustizia, Walter Verini, e al responsabile Giustizia del Partito Democratico, David Ermini. Abbiamo voluto portare l’attenzione del ministro della Giustizia e del ministro dell’Ambiente su quanto stava accadendo a Siracusa, Augusta e Melilli. Confidiamo che la magistratura faccia piena luce su questi fatti che, se confermati, sono di una gravità assoluta”. Lo dice Sofia Amoddio deputata del Pd in commissione Giustizia.

“Secondo l’accusa - prosegue Amoddio – gli avvocati Piero Amara e Giuseppe Calafiore avrebbero cercato di pilotare pronunciamenti di Tribunali a favore dei propri clienti per svariate centinaia di milioni di euro. L’attività criminale si sarebbe svolta anche tramite la realizzazione di dossier e depistaggi. Il coinvolgimento dell'ex presidente del Consiglio di Stato, Riccardo Virgilio, che all’interno di questa inchiesta è stato indagato per corruzione in atti giudiziari, dà la misura dell'estensione e del livello a cui era arrivata la rete criminale messa in piedi da costoro. Dobbiamo tenere sempre alto il livello di guardia per stroncare prontamente attività corruttive e criminali, come quelle emerse dagli arresti di oggi, che ledono la fiducia degli italiani  nelle istituzioni, colpiscono i cittadini onesti e delegittimano a livello internazion

06/02/2018 - 18:11

“L’ultima trovata di Virginia Raggi, per assecondare la campagna elettorale nazionale del M5S, è la proposta di introdurre anche nella Capitale un fantomatico ‘reddito di cittadinanza’. Circa 300 euro mensili per 5 mesi e per solo 1500 romani, individuati sulla base di categorie molto eterogenee, senza alcuna considerazione della reale condizione di povertà.  Dopo aver strizzato l’occhio ai no vax con un atto al limite dell’eversione, manifestando la volontà di disapplicare la normativa nazionale in tema di vaccinazioni, ecco magicamente l’introduzione di un sussidio inutile senza alcuna prospettiva di servizi, di presa in carico e di percorsi di inclusione per gli ipotetici beneficiari:  l’importante è chiamarlo reddito di cittadinanza per poterlo sbandierare durante questa campagna elettorale.” Lo dichiara la Deputata del Partito Democratico Ileana Piazzoni, candidata alla Camera alle prossime elezioni politiche.

“Tutto ciò - prosegue Piazzoni – mentre il sistema di welfare cittadino viene progressivamente meno per le iniziative della stessa Giunta Raggi. Dal Piano Freddo per i senza dimora aspramente criticato anche dalla Caritas (pochi posti in vergognose tendopoli), alla proroga milionaria delle soluzioni alloggiative nei residence, al fallimento totale del piano per il contrasto all’emergenza abitativa, ai ritardi nell’attuazione del Reddito di Inclusione. Invece di lavorare per garantire un miglior accesso al ReI e potenziare i servizi sociali, considerando come già 7 milioni di euro siano stati stanziati a tal fine dal Governo e altre risorse arriveranno dalla ripartizione del Fondo ReI ‘servizi’ (297 milioni per il 2018), il Sindaco Raggi preferisce fare propaganda con una misura spot, senza alcuna efficacia e dalla copertura molto vaga. Invece di prestarsi ai diktat di marketing elettorale della casa madre – conclude Piazzoni –  la Raggi pensi ad amministrare la città e provi, almeno, a garantire gli interventi di welfare previsti dalle leggi nazionali e finanziati dallo Stato”.

06/02/2018 - 16:30

“Virginia Raggi lancia un reddito minimo di 299 euro per 1500 “disagiati” per sei mesi. Una “sperimentazione”, dice, che costerà ai romani 2 milioni di euro e non risolverà alcun disagio sociale. Il tutto in campagna elettorale. Stessa condotta di Achille Lauro, il Sindaco monarchico di Napoli che regalava pacchi di pasta prima del voto”. Così, sulla sua pagina Facebook, il parlamentare romano del Partito Democratico, Roberto Morassut.

06/02/2018 - 15:23

7 febbraio, Giornata nazionale contro il bullismo

“Il titolo scelto per la Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo che caratterizza l’edizione 2018, ‘Create, Connect and Share Respect. A better internet starts with you’ (Crea, connetti e condividi il rispetto: un internet migliore comincia con te), è un titolo molto calzante.

Il cyberbullismo è un fenomeno odioso del quale sono vittima sempre più soggetti. Nel corso della legislatura abbiamo approvato un’importante proposta di legge ‘Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo’ che va  nella direzione di combattere questo problema che ha avuto picchi drammatici e che va costantemente monitorato. Ad Ancona abbiamo organizzato un incontro qualche mese fa proprio per presentare i contenuti della legge con la presenza dell’On.Vanna Iori, membro della commissione bicamerale Infanzia e Adolescenza e grande esperta della materia, con la presenza anche di Andrea Nobili, Garante dell'Infanzia delle Marche e Cinzia Grucci, dirigente del Compartimento Polizia Postale e Telecomunicazioni di Ancona,

Il cyberbullismo riguarda tutte quelle forme di prevaricazione aggressiva, volontaria e ripetitiva, attuate da un singolo o da un gruppo di persone, attraverso mezzi informatici ai danni di una vittima,  è dunque un’estensione del bullismo ma più insidioso perché grazie alla tecnologia può raggiungere le vittime in qualsiasi momento. La rete inoltre dà l’idea ai cyberbulli di godere di una sorta di anonimato, la vittima nemmeno conosce tutte le persone che la calunniano. Le conseguenze della violenza on line sono talmente più dannose che secondo alcuni dati recenti ben una vittima su dieci di cyberbullismo tenta il suicidio. Non esistono dati precisi circa questo fenomeno. Gli ultimi dati Istat risalgono al 2014 ma a detta dei professionisti del settore sono decisamente sottostimati.

Anche Papa Francesco si è più volte interessato ai temi della sicurezza in Rete sottolineando come Internet sia ‘un dono di Dio, in grado di offrire maggiori possibilità di incontro e solidarietà’. Ma se da un lato il web con nuovi servizi e strumenti tecnologici ‘nasce per semplificare e migliorare la qualità della vita’, come ha detto ancora il Papa, può distogliere l’attenzione da ciò che realmente è importante: la vostra felicità non ha prezzo e non si commercia”. Così il deputato Pd ha detto Emanuele Lodolini. 

 

06/02/2018 - 12:00

La Capolista al SENATO in Europa per il PD sulla onorificenza di Commendatore della Repubblica consegnata ieri dal Presidente Mattarella a Delio Miorandi

“L’onorificenza di Commendatore, attribuita a Delio Miorandi dal Presidente della Repubblica su mia proposta, è motivo di grande orgoglio. Non solo per me, ma per tutta la comunità italiana all’estero. In particolare quella tedesca. Delio Miorandi, nominato Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, rappresenta un riferimento importante per i connazionali che vivono in Germania.

A loro ha dedicato il suo impegno, coinvolgendoli in iniziative di integrazione fin dal suo arrivo, negli anni Cinquanta. Si è dimostrato vicino in particolare agli italiani impiegati come operai nello stabilimento Opel di Russelsheim. La sua inclinazione al prossimo prosegue tuttora nel suo impegno in attività a favore dei profughi. Non a caso ha ricevuto il Deutscher Burgerpreis nel  2016, la massima onorificenza tedesca nel mondo del volontariato.

Le storie come quella di Delio Miorandi sono un esempio per tutti. Perché ci insegnano che l’integrazione non è solo un valore astratto. Bensì può essere una realtà. Applicabile e realizzabile. L’incontro tra culture si può e si deve ricercare. Lo scontro, invece, può solo distruggere, senza costruire. Il Partito Democratico crede nell’accoglienza. Non ci arrendiamo a chi dice che bisogna chiudere le porte a chi scappa dalla fame e dalla miseria. Al contrario, siamo convinti che bisogna includere e integrare. Proprio come ha fatto, per una vita, Delio Miorandi”.

È quanto dichiara Laura Garavini, Capolista al SENATO PD in Europa, in merito al conferimento  dell’onorificenza di Commendatore della Repubblica Italiana, consegnata ieri dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Delio Miorandi.

05/02/2018 - 18:00

La Capolista PD al Senato: “Risultato possibile solo con una forza europeista al Governo, una forza come il PD”

“Negli ultimi quattro anni l’Italia è tornata ad essere un interlocutore affidabile a livello internazionale. E, in questo modo ha potuto tutelare meglio i propri concittadini all’estero, anche in Gran Bretagna. È quanto accaduto con la Brexit, dove l’accordo tra Unione Europea e UK ha recepito tutte le richieste avanzate dal nostro Governo. Salvaguardando così i tanti italiani che vivono nell’isola britannica”. È quanto spiega Laura Garavini, Capolista PD al Senato nella circoscrizione Estero-Europa, intervenuta a Cambridge, ospite della collettività italiana.
“Il Governo Renzi prima e quello Gentiloni poi, hanno impresso un nuovo slancio al ruolo dell’Italia in Europa. Garantendo al nostro Paese autorevolezza e affidabilità. Grazie anche all’impegno del PD è stata possibile l’intesa post Brexit raggiunta tra UE e Gran Bretagna”.
“Un accordo nel quale si é sancito il riconoscimento dei diritti acquisiti dai cittadini europei, l’adempimento degli obblighi finanziari della Gran Bretagna e l’assenza di frontiere con l’Irlanda del Nord. Richieste volute fortemente dall’Italia. Per questo è fondamentale dare di nuovo al Paese un Governo guidato dall’unica forza europeista presente in Italia. Un Governo a guida PD”.
 

05/02/2018 - 10:45

“Valore e solidarietà: nella V giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, sono queste le due parole chiave che caratterizzano la legge “antisprechi”, a più di un anno dalla sua entrata in vigore”.

- Lo dichiara Maria Chiara Gadda, deputata del Partito Democratico e componente dell’esecutivo nazionale Pd, responsabile del dipartimento contro lo spreco alimentare

“Ridurre lo spreco attraverso il recupero delle eccedenze significa dare un nuovo valore al cibo, un valore che si misura in base agli effetti positivi che un gesto solidale come la donazione produce sulla nostra società. La donazione non è certo l’unico strumento : è importante prevenire – spiega la deputata Dem - ottimizzando i processi produttivi e soprattutto rendendo i comportamenti dei cittadini più consapevoli e virtuosi”.

“La legge si inserisce a pieno titolo come esempio positivo di economia circolare, che lega le aziende agli enti del terzo settore, per realizzare insieme una impresa condivisa basata sulla solidarietà. Sprecare non ha senso – conclude Gadda - recuperare è un bene per tutti”.

02/02/2018 - 19:41

“E’ certo che la magistratura onoraria in questi anni ha contributo a far funzionare gli uffici giudiziari. Ma era tempo di introdurre novità. La riforma proposta dal ministro Orlando, approvata in Parlamento dal Pd e dalla maggioranza, va in questo senso. Infatti, definisce meglio il ruolo del giudice onorario, favorisce un ricambio fisiologico, necessario per dare spazio a tanti giovani avvocati, e sostiene il reinserimento graduale nelle professioni forensi degli avvocati che da anni esercitano quel ruolo. Lo scopo, insomma, è qualificare meglio la funzione e favorire il turn over: per questo certe polemiche, come quella del collega Maestri, andrebbero evitate perché sono dettate dal desiderio di cavalcare qualche protesta in campagna elettorale”.  

Così Walter Verini, deputato del Pd, replica alla nota dl deputato di Possibile, Andrea Maestri.

02/02/2018 - 17:55

Post su Fb di Ettore Rosato, presidente deputati Pd 

C’è un signore di 81 che oggi ha detto ad un giornale che se vince lui aggiusta tutto. Questo signore è Silvio Berlusconi e ha già governato il paese portandolo sull’orlo del baratro. 
Ce n’è un altro molto più giovane che è andato fino a Londra per rassicurare che se vince lui porterà al governo le migliori competenze del paese. È Luigi Di Maio e per ora dove ha governato il suo M5S non è andata bene per niente (lo sanno bene i cittadini di Roma, Torino, Livorno). Lì ha anche detto che farà il governo con chi ci sta, ma qualche ora dopo si è corretto che lo farà da solo, anche senza i voti.
Ecco noi siamo il Partito Democratico e siamo tutta un’altra storia: una forza politica seria che oggi ha presentato il suo programma. 100 cose da fare partendo da quello che abbiamo fatto: impegni concreti e realizzabili. 
Il 4 marzo vogliamo la fiducia dei cittadini per andare avanti. Per fare dell’Italia una moderna democrazia europea, più forte e più giusta.

02/02/2018 - 13:32

 “Il pressapochismo e l’ignoranza degli esponenti del Movimento 5 stelle sembra non avere fine. Quando Di Maio parla di Amazon dimostra non solo di non sapere di cosa sta parlando e di non conoscere le leggi italiane, ma di non aver neppure seguito, da vicepresidente della Camera, i lavori parlamentari. Evidentemente il candidato premier M5s era troppo impegnato a raccontare falsità in rete e tra i suoi militanti”.

- lo dichiara Titti Di salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico e  candidata alla Camera alle prossime elezioni politiche -

“Il bracciale elettronico di Amazon – spiega la deputata Dem - è in contrasto con le leggi, in primis con il Jobs Act,  e i contratti che tutelano la libertà e la dignità dei lavoratori, oltre che con l'ordinamento in materia di protezione dati personali. A Di Maio – conclude - consiglio di studiare prima di parlare”.

02/02/2018 - 13:06

Salute dei cittadini solo terreno di campagna elettorale

 

"La lettera inviata da Virginia Raggi ai Ministri Fedeli e Lorenzin per chiedere ammissione ad asili nido e scuole dell'infanzia dei bambini non vaccinati, in forza del principio della continuità educativa, è un atto gravissimo di portata quasi eversiva, perché chiede la disapplicazione di una legge dello Stato, ed è del tutto inutile, visto che la continuità educativa viene garantita in presenza di autocertificazione e prenotazione al centro vaccinale da parte dei genitori."

 

- Lo dichiara leana Piazzoni, Deputata del Partito Democratico e candidata alla Camera alle prossime elezioni politiche –

 

"Un comportamento del tutto irresponsabile che dà rilievo istituzionale a posizioni pericolose per la salute dei più deboli. Non paghi di aver candidato come capolista al Senato un'attivista no vax, che aveva brillantemente paragonato le vaccinazioni al genocidio, continuano le posizioni ambigue e l'offerta di tribune e appigli a teorie antiscientifiche, tutto ciò con una mal celata finalità di propaganda elettorale. L’assoluta incuranza del M5s per l’esigenza di proteggere i soggetti più deboli assieme all'incapacità di esprimere una posizione netta sul tema – conclude Piazzoni – dimostrano ancora una volta come la salute dei cittadini sia per il Movimento 5 Stelle solo terreno per la campagna elettorale”.

02/02/2018 - 10:24

"Continuano gli spot elettorali dei 5 stelle per prendere in giro gli italiani. Ora, come ha annunciato l’onorevole Villarosa stamani, vogliono cancellare gli 80 euro, una misura attuata dal governo Renzi che ha portato quasi mille euro in più all'anno a 10 milioni di italiani. Complimenti ai 5 stelle che non finiscono mai di stupirci: solo un mese fa era stato Luigi Di Maio ad annunciare che non sarebbe stata loro intenzione toccare gli 80 euro in busta paga. Ora propongono l'esproprio, forse per finanziare un reddito di cittadinanza che avrebbe solo effetti negativi per il Paese". Lo dichiara Marco Di Maio, componente della presidenza del Gruppo Pd alla Camera e candidato del centrosinistra nel collegio uninominale della Camera a Forlì.

01/02/2018 - 18:19

“Il Partito democratico ha contribuito alla nascita del manifesto ‘Mai più fascismi’, insieme all’Anpi e ad altre 23 associazioni. Ne siamo convinti perché riteniamo irrinunciabile combattere contro la violenza delle organizzazioni neofasciste e neonaziste che è seria e concreta, sia nella rete che nella realtà dei nostri territori”.

Lo dice il deputato del Pd Walter Verini, il quale aggiunge: “l’appello presentato oggi al Museo storico della liberazione di via Tasso intende denunciare quanto siano pericolose e attuali per la nostra comunità democratica le nuove e vecchie forme di odio e razzismo di sapore neofascista. Istituzioni e cittadini non devono mai sottovalutare i veleni di una cultura violenza e xenofoba che, purtroppo, è oggi una realtà. Ribadire sempre i valori del patto antifascista da cui è nata la nostra Costituzione è un grande antidoto contro questo pericolo”.

01/02/2018 - 15:36

“Amazon il braccialetto elettronico proprio no, non si può fare. Leggi e contratti tutelano la libertà e la dignità dei lavoratori. E per questo vanno rispettati”.

Lo scrive su Twitter Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico

Pagine