Ripresa: Serracchiani, avanti con proposta Pd per accrescere lavoro donne

  • 30/09/2021

"Anche i dati di agosto confermano lo squilibrio di genere nel mondo del lavoro. Le donne sono meno occupate ma sono anche quelle che perdono di più il lavoro (l'85% nel mese). C'è un grave rischio che pesa sulla ripresa economica in corso e riguarda proprio l'occupazione femminile. Proprio per contrastare il pericolo che non venga superato il divario tra donne e uomini il Pd ha fatto inserire la condizionalità per donne e giovani per le imprese che parteciperanno ad appalti previsti dai progetti del Pnrr.

Fisco: Serracchiani, occupazione femminile volano di crescita economica

  • 23/06/2021

"Con la proposta della tassazione agevolata per il secondo percettore del reddito poniamo un altro pilastro nell’azione di sostegno alle famiglie ed alle donne. La Tasp si affianca all’assegno unico. Superiamo ogni forma di disincentivazione al lavoro. Promuovere l’occupazione delle donne, agire perché vengano superate le disparità che ancora pesano sulle donne è il nostro obiettivo.

Natalità: Carnevali, assegno unico e occupazione femminile per rilancio

  • 13/04/2021

“Il calo delle nascite è un problema presente in Italia da molto tempo, che si è ulteriormente aggravato in questo anno di pandemia. Noi siamo convinti che l'assegno unico universale, che il Pd ha proposto ed è riuscito a far approvare, debba essere salutato con molto favore perché può contribuire a invertire la tendenza.

Recovery: Quartapelle, serve deciso sostegno per occupazione femminile

  • 02/02/2021

“Gli effetti della pandemia sulla disoccupazione femminile rischiano di essere devastanti. Il quadro tracciato oggi nelle audizioni sul Recovery Plan da Linda Laura Sabbadini, Alexandra Geese, Azzurra Rinaldi, Giovanna Badalssi, intervenute portando il punto di vista delle associazioni Donne per la Salvezza, In Genere, Ladynomics, Giusto Mezzo è estremamente preoccupante. Senza un deciso intervento a sostegno delle donne che hanno perso il lavoro (il 70% dei disoccupati del 2020 sono donne) e senza liberare le energie delle donne l’Italia non riuscirà a ripartire.

Recovery: Gribaudo, liberare potenzialità occupazione femminile

  • 02/02/2021

"Il PNRR non è ancora abbastanza incisivo nel liberare le potenzialità del lavoro femminile. Come ha ben detto la prof. Azzurra Rinaldi per il Giusto Mezzo, abbiamo bisogno di infrastrutture sociali sia rivolte all'infanzia che agli anziani, di allargare il congedo di paternità, di approvare la legge sulla parità salariale. Il lavoro di cura ha un ruolo residuale nel piano, mentre è quello che consentirebbe la libera scelta fra lavoro e famiglia moltiplicando esso stesso i posti di lavoro.

Ue: Quartapelle, destinare metà risorse Recovery per le donne

  • 14/10/2020

“C’è una questione di giustizia sulla quale sarebbe bello vedere un protagonismo diverso dell’Italia. Di tutte le ingiustizie ce n’è una particolarmente odiosa, perché coinvolge la maggioranza della popolazione, le donne: è la questione del divario tra le opportunità degli uomini e delle donne. E’ una questione europea, ed è una questione italiana.

Bankitalia: Gribaudo, occupazione femminile in priorità gennaio

  • 10/12/2019

“Le affermazioni del governatore di Bankitalia Visco rafforzano la necessità di intervenire sull'occupazione femminile per affrontare i troppi limiti dati dai carichi familiari e dalla mancata attuazione delle pari opportunità. Vista la verifica chiesta dal premier Conte sulle priorità del governo, il lavoro delle donne dovrà essere centrale fra gli impegni da mettere in fila a gennaio. In Parlamento stiamo facendo la nostra parte discutendo una proposta di legge per la parità salariale e portando avanti tante battaglie per bilanciare tempi di vita e tempi di lavoro.

Lavoro: Pezzopane, soddisfazione per record occupazione femminile

  • 31/05/2018

“In un quadro generale positivo, con il record storico di occupazione per il nostro Paese, la fotografia dell’Istat sul mondo del lavoro ci segnala in particolar modo un dato che ci dà particolare soddisfazione: l’aumento della partecipazione delle donne con il raggiungimento del nuovo picco massimo per l’occupazione femminile, quota 49,4%. E’ la conferma che le misure assunte in questi anni e la direzione di marcia intrapresa dai governi Renzi e Gentiloni è stata quella giusta.

Istat: Di Salvo, l’Italia cambia in meglio

  • 01/03/2018

“L’Italia sta cambiando, in meglio. Lo testimoniano i dati Istat che registrano un aumento record dell’occupazione femminile e una disoccupazione giovanile mai così bassa dal 2011, l’aumento del Pil e la diminuzione del debito”.

- Lo dichiara Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico e candidata alle prossime elezioni politiche -

Pagine